L’opportunità in pillole

REGIONE TOSCANA – Filiera agribusiness finanziamenti per percorsi di formazione rivolti a disoccupati e inattivi

Purtroppo non puoi accedere a questo contenuto 😕

Però possiamo rimediare subito 🤓

Se non hai eseguito il login

Accedi cliccando qui

Se non sei registrato/a

Registrati in pochi clic da questa pagina

Se la prova di 30 giorni è scaduta

Richiedi un rinnovo gratuito rispondendo all'e-mail di iscrizione iniziale

i

Settori

Agricoltura

Territorio

Toscana (Arezzo, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara, Pisa, Pistoia, Prato, Siena)

Destinatari

Associazioni/Onlus/Consorzi (No Profit), PMI e Micro Imprese

Tipologia di aiuto

Contributi a fondo perduto

Investimenti spesati

Formazione

Complessità

Intermedia

Descrizione

L’obiettivo del bando è quello di contribuire allo sviluppo di profili professionali altamente qualificati nell’ambito delle diverse professionalità che operano nella filiera dell’Agribusiness, con specifica attenzione alle figure professionali che risultano maggiormente richieste dal mercato del lavoro – e di più difficile reperibilità – all’interno delle imprese di produzione, di trasformazione e di commercializzazione della filiera Agribusiness, così come nelle realtà locali che si occupano dell’allevamento animale ed in particolare di quello equino.

Soggetti beneficiari

I progetti devono essere presentati ed attuati da un’associazione temporanea di imprese o di scopo (ATI/ATS), già costituita o da costituire a finanziamento approvato, attraverso apposito atto pubblico o scrittura privata autenticata, composta almeno dai seguenti due soggetti:

  • un organismo formativo accreditato nell’ambito della “formazione finanziata” ai sensi della delibera di giunta 1407/2016 e s.m.i. o che si impegna ad accreditarsi entro la data di avvio delle attività, in qualità di capofila;
  • un’impresa, che non abbia finalità formativa, avente un’unità produttiva nel territorio regionale e il cui ambito di operatività sia coerente con la filiera considerata.

Il partenariato può essere facoltativamente integrato da Istituti di istruzione superiore, Università, Centri provinciali per l’istruzione degli adulti (Cpia) regionali e Fondazioni ITS (Istruzione tecnica superiore), aventi sede nel territorio regionale ed in presenza del regime di accreditamento per la formazione finanziata.

Gli interventi formativi sono rivolti a persone disoccupate/inattive finalizzati al loro inserimento o reinserimento lavorativo.

Entità e forma dell’agevolazione

Il costo del progetto è così determinato:

  • (n. ore attività di gruppo previste x Ucs ora corso);
  • + (n. ore attività di gruppo previste x n. partecipanti previsti x Ucs ora partecipante);
  • + (n. ore attività di accompagnamento individuale x Ucs ora partecipante x n. partecipanti previsti).

Per l’attuazione del bando è disponibile la cifra complessiva di 1 milione e 600 mila euro.

Attività finanziabili e spese ammissibili

I progetti proposti sul presente avviso devono concludersi entro 12 mesi a decorrere dalla data di stipula della convenzione.

Il presente avviso finanzia progetti formativi che prevedono la realizzazione di percorsi finalizzati al rilascio di:

  • attestato di qualificazione riferito alle figure professionali di cui al Repertorio Regionale delle Figure Professionali (RRFP), nell’ambito della filiera Agribusiness.

Gli interventi di formazione professionale devono prevedere attività di stage per almeno il 30% delle ore complessive del corso ed essere coerenti con quanto stabilito dalla delibera di giunta 988/2019 e s.m.i.

I progetti devono prevedere un numero di allievi pari a 15. Il numero di allievi può essere aumentato unicamente in fase di attuazione del progetto, sino a un massimo di 5 unità ulteriori senza che ciò comporti un aumento del contributo assegnato.

Note
<p>La domanda (e la documentazione allegata prevista dall’avviso) deve essere trasmessa tramite l’applicazione “Formulario di presentazione dei progetti FSE on line” previa registrazione al Sistema Informativo FSE all’indirizzo https://web.rete.toscana.it/fse3.<br /> Il criterio di valutazione è a graduatoria con attribuzione di punteggio.</p>
Codici ATECO ammissibili
A 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi (01.11 Coltivazione di cereali (escluso il riso), legumi da granella e semi oleosi, 01.12 Coltivazione di riso, 01.13 Coltivazione di ortaggi e meloni, radici e tuberi, 01.14 Coltivazione di canna da zucchero, 01.15 Coltivazione di tabacco, 01.16 Coltivazione di piante tessili, 01.19 Floricoltura e coltivazione di altre colture non permanenti, 01.21 Coltivazione di uva, 01.22 Coltivazione di frutta di origine tropicale e subtropicale, 01.23 Coltivazione di agrumi, 01.24 Coltivazione di pomacee e frutta a nocciolo, 01.25 Coltivazione di altri alberi da frutta, frutti di bosco e in guscio, 01.26 Coltivazione di frutti oleosi, 01.27 Coltivazione di piante per la produzione di bevande, 01.28 Coltivazione di spezie, piante aromatiche e farmaceutiche, 01.29 Coltivazione di altre colture permanenti (inclusi alberi di Natale), 01.30 Riproduzione delle piante, 01.41 Allevamento di bovini da latte, 01.42 Allevamento di altri bovini e di bufalini, 01.43 Allevamento di cavalli e altri equini, 01.44 Allevamento di cammelli e camelidi, 01.45 Allevamento di ovini e caprini, 01.46 Allevamento di suini, 01.47 Allevamento di pollame, 01.49 Allevamento di altri animali, 01.50 Coltivazioni agricole associate all'allevamento di animali: attività mista, 01.61 Attività di supporto alla produzione vegetale, 01.62 Attività di supporto alla produzione animale, 01.63 Attività successive alla raccolta, 01.64 Lavorazione delle sementi per la semina, 01.70 Caccia, cattura di animali e servizi connessi)