L’opportunità in pillole

REGIONE SARDEGNA – Contributi alle emittenti televisive comunitarie locali

Purtroppo non puoi accedere a questo contenuto 😕

Però possiamo rimediare subito 🤓

Se non hai eseguito il login

Accedi cliccando qui

Se non sei registrato/a

Registrati in pochi clic da questa pagina

Se la prova di 30 giorni è scaduta

Richiedi un rinnovo gratuito rispondendo all'e-mail di iscrizione iniziale

i

Settori

Servizi

Territorio

Sardegna (Cagliari, Nuoro, Oristano, Sassari, Sud Sardegna)

Destinatari

PMI e Micro Imprese

Tipologia di aiuto

Contributi a fondo perduto

Investimenti spesati

Consulenze/Servizi

Complessità

Intermedia
Attenzione: per accedere a questo bando l'azienda deve essere in possesso di specifiche qualifiche o iscrizioni. Trovi il dettaglio di questi requisiti nel testo riassuntivo qui sotto.

Descrizione

La Regione Autonoma della Sardegna, con il presente Bando, avvisa che per le annualità 2023, 2024 e 2025 sono aperti i termini per la presentazione delle richieste di contributo da parte delle emittenti televisive comunitarie locali che svolgono attività aventi scopi di utilità sociale.

Soggetti Beneficiari

Possono presentare domanda le emittenti televisive comunitarie locali in digitale terrestre o satellitari, costituite in qualsiasi forma giuridica e che operino nel territorio della Sardegna nel quale realizzino almeno il 90% del fatturato, nel cui ambito trasmettano quotidianamente programmi informativi auto prodotti su avvenimenti di cronaca, politici, religiosi, economici, sociali, sindacali o culturali di rilevanza regionale e locale, e si impegna:

  • a non trasmettere più del 5% di pubblicità per ogni ora di diffusione;
  • a trasmettere i predetti programmi per almeno il 50% dell’orario di trasmissione giornaliero compreso tra le ore 7 e le ore 21, che non hanno partecipato al bando 2022/2023 perché non in possesso dei requisiti maturati nel 2022.

Può accedere ai contributi di cui al presente Avviso l’emittente in possesso dei sottoindicati requisiti:

  • sia costituita da almeno 36 mesi e abbia sede legale e operativa in Sardegna;
  • sia iscritta al registro (Registro Operatori di Comunicazione – ROC);
  • realizzi almeno il 90% del fatturato in Sardegna;
  • non trasmetta televendite oltre i limiti consentiti, né superi i limiti previsti dalla normativa vigente per l’affollamento degli spazi pubblicitari per le emittenti televisive a carattere comunitario;
  • abbia trasmesso quotidianamente, nei due anni precedenti alla data di pubblicazione dell’avviso, programmi informativi auto prodotti su avvenimenti di cronaca, politici, religiosi, economici, sociali, sindacali o culturali di rilevanza locale;
  • abbia aderito ai codici di autoregolamentazione attualmente vigenti;
  • sia in regola con il versamento degli oneri previdenziali e assistenziali, se in possesso di dipendenti;
  • abbia in essere regolare contratto con Operatore di Rete (EI TOWERS per la Regione Sardegna) autorizzato per emissione televisiva in Sardegna.

Entità e forma dell’agevolazione

Vi sono graduatorie:

  • 1ª graduatoria: comprenderà le emittenti televisive comunitarie locali che pagano all’Operatore di Rete autorizzato (EI TOWERS per la Sardegna) il canone pieno per il mantenimento della copertura e della capacità trasmissiva e che non usufruiscono dei costi riproporzionati di vantaggio.
  • 2ª graduatoria: comprenderà le emittenti televisive comunitarie locali che pagano all’Operatore di Rete autorizzato (EI TOWERS per la Sardegna) il canone ridotto usufruendo dei costi riproporzionati di vantaggio.

Fermo restando quanto detto nel precedente paragrafo, il contributo annuale massimo concedibile a ciascuna emittente televisiva comunitaria è di euro 50.000,00 per l’abbattimento dei costi sostenuti per i servizi forniti dall’Operatore di Rete (EI TOWERS), e comunque il contributo non potrà superare il costo effettivo sostenuto, definito con contratto, tra l’Operatore di Rete e l’emittente beneficiaria.

La dotazione finanziaria è pari ad euro 150.000,00 rispettivamente per l’anno 2023, 2024 e 2025.

Attività finanziabili e Spese ammissibili

Sono ammessi esclusivamente i costi provenienti dalla stipula di contratto con l’Operatore di Rete autorizzato (EI TOWERS) dimostrati anche dalle fatture quietanzate e dai relativi bonifici.

Note
<p>La documentazione, firmata digitalmente dal legale rappresentante dovrà pervenire, a pena di<br /> esclusione, entro e non oltre la giornata di mercoledì 6 settembre 2023 tramite:<br /> Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo [email protected]</p>
Codici ATECO ammissibili
J 60 Attività di programmazione e trasmissione (60.20 Attività di programmazione e trasmissioni televisive)