L’opportunità in pillole

REGIONE LIGURIA – Servizi di consulenza

Purtroppo non puoi accedere a questo contenuto 😕

Però possiamo rimediare subito 🤓

Se non hai eseguito il login

Accedi cliccando qui

Se non sei registrato/a

Registrati in pochi clic da questa pagina

Se la prova di 30 giorni è scaduta

Richiedi un rinnovo gratuito rispondendo all'e-mail di iscrizione iniziale

i

Settori

Agricoltura

Territorio

Liguria (Genova, Imperia, La Spezia, Savona)

Destinatari

PMI e Micro Imprese

Tipologia di aiuto

Contributi a fondo perduto

Investimenti spesati

Assunzioni e Personale, Consulenze/Servizi, Marketing

Complessità

Intermedia

Descrizione

La misura si prefigge l’obiettivo di sostenere e potenziare il sistema delle conoscenze e del trasferimento dell’innovazione, tramite la concessione di un sostegno economico per la fornitura di servizi di consulenza rivolti agli imprenditori agricoli, per migliorare le prestazioni economiche e ambientali, il rispetto del clima e la resilienza climatica della loro azienda.

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda di sostegno a valere sul presente Bando i Prestatori di servizi di consulenza, di seguito Prestatori che risultano inseriti nell’apposita sezione dell’elenco regionale, pubblicato sul portale regionale agriligurianet.

I destinatari sono invece gli imprenditori agricoli, quali destinatari della stessa consulenza. I suddetti soggetti devono:

  • avere un’attività principale o secondaria con codice ATECO che inizi con A01;
  • essere iscritti al registro delle imprese della CCIAA e dotati di numero di partita IVA;
  • avere sede legale e/o almeno una sede operativa/unità locale in Liguria.

Entità e forma dell’agevolazione

Il sostegno è concesso sotto forma di sovvenzione a fondo perduto pari al 100% del costo ammissibile.

L’importo massimo dell’aiuto concedibile per l’utilizzo del servizio di consulenza, limitatamente al settore agricolo, non può superare euro 1.500,00 per azienda (destinatario) e per servizio completo di consulenza.

L’entità dell’aiuto si determina in base al numero totale di ore di consulenza fornita, in funzione del numero di atti e/o norme obbligatori ai quali il beneficiario è interessato.

Al fine di garantire l’accesso alla consulenza ad un maggiore numero di destinatari, viene definito un limite annuo massimo di euro 3.000,00.

Non sono ammesse domande che comportino un aiuto concedibile inferiore ad euro 500,00.

Attività finanziabili e Spese ammissibili

Le spese ammissibili sono calcolate con il metodo dell’ “unità di costo standard” (UCS).

L’UCS applicato è pari a 54 euro/ora di lavoro del tecnico consulente. L’ammontare complessivo del sostegno deriverà quindi dalla moltiplicazione delle ore lavoro del tecnico consulente per il valore UCS.

Nel calcolo delle UCS rientrano le seguenti categorie di spesa:

  • spese per personale e incarichi esterni: comprende il tempo impiegato dal tecnico consulente sia per attività di tipo “frontale”, sia per il tempo impiegato per le attività di ricerca delle informazioni, elaborazione di documenti o altro, che siano funzionali all’erogazione del singolo servizio di consulenza;
  • spese di trasferta del tecnico consulente;
  • materiale di supporto;
  • spese di pubblicizzazione;
  • assicurazione e spese generali, comprendenti le attività di coordinamento e amministrazione, le spese di manutenzione dei locali, gli affitti, ecc.

La decorrenza delle spese ammissibili corrisponde alla data di presentazione della domanda di sostegno PSR.

Note
<p>Il fascicolo, così aggiornato e validato in tutte le sue componenti e con l’indicazione obbligatoria di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC) da utilizzarsi per le comunicazioni, deve essere reso disponibile a carico del richiedente sul portale <a href="https://cns.sian.it/portale-sian/home.jsp">SIAN</a>.</p> <p>La modalità di attuazione della presente sottomisura è a bando con procedura a sportello.</p>
Codici ATECO ammissibili
A 01 Coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali, caccia e servizi connessi (01.11 Coltivazione di cereali (escluso il riso), legumi da granella e semi oleosi, 01.12 Coltivazione di riso, 01.13 Coltivazione di ortaggi e meloni, radici e tuberi, 01.14 Coltivazione di canna da zucchero, 01.15 Coltivazione di tabacco, 01.16 Coltivazione di piante tessili, 01.19 Floricoltura e coltivazione di altre colture non permanenti, 01.21 Coltivazione di uva, 01.22 Coltivazione di frutta di origine tropicale e subtropicale, 01.23 Coltivazione di agrumi, 01.24 Coltivazione di pomacee e frutta a nocciolo, 01.25 Coltivazione di altri alberi da frutta, frutti di bosco e in guscio, 01.26 Coltivazione di frutti oleosi, 01.27 Coltivazione di piante per la produzione di bevande, 01.28 Coltivazione di spezie, piante aromatiche e farmaceutiche, 01.29 Coltivazione di altre colture permanenti (inclusi alberi di Natale), 01.30 Riproduzione delle piante, 01.41 Allevamento di bovini da latte, 01.42 Allevamento di altri bovini e di bufalini, 01.43 Allevamento di cavalli e altri equini, 01.44 Allevamento di cammelli e camelidi, 01.45 Allevamento di ovini e caprini, 01.46 Allevamento di suini, 01.47 Allevamento di pollame, 01.49 Allevamento di altri animali, 01.50 Coltivazioni agricole associate all'allevamento di animali: attività mista, 01.61 Attività di supporto alla produzione vegetale, 01.62 Attività di supporto alla produzione animale, 01.63 Attività successive alla raccolta, 01.64 Lavorazione delle sementi per la semina, 01.70 Caccia, cattura di animali e servizi connessi)